News

News

LA RESPONSABILITA' DEGLI AMMINISTRATORI NELLE SOCIETA' DI CAPITALI - RESPONSABILITA' VERSO LA SOCIETA'

Pubblicato il 08 gennaio 2019 alle 15.10



Gli amministratori devono adempiere ai doveri ad essi imposti dalla legge e dallo statuto con la diligenza richiesta dalla natura dell’incarico e dalle loro specifiche competenze: pertanto non è sufficiente la diligenza del buon padre di famiglia o dell’uomo medio, bensì occorre la diligenza del buon amministratore in funzione della natura dell’incarico e delle specifiche competenze dell’amministratore.

L’azione di responsabilità della società verso l’amministratore/i può essere promossa:

  • Dall’assemblea dei soci, con voto a maggioranza;
  • Dal collegio sindacale, con voto di almeno 2/3 dei componenti del collegio;
  • Da tanti soci che rappresentino almeno 1/5 (20%) del capitale sociale.

L’azione può essere esercitata entro 5 anni dalla cessazione dell’amministratore dalla carica.

La promozione dell’azione di responsabilità non comporta automaticamente la revoca dell’amministratore dalla carica, salvo che la delibera venga assunta da almeno 1/5 del capitale sociale dall’assemblea dei soci. In ogni caso l'azione sociale di responsabilità può essere oggetto di rinuncia o di accordo transativo con l’amministratore, indipendentemente da chi ha proposto l’azione di responsabilità, solamente qualora non vi sia il voto contrario di una minoranza che rappresenti almeno 1/5 del capitale sociale.

In caso di successo dell’azione di responsabilità, la società rimborsa ai soci integralmente le spese di lite e beneficia del risarcimento.


HP CONSULTING SRL - COMITATO DI STUDI

Categorie: Diritto societario