News

News

FINANZIAMENTI AGEVOLATI PIEMONTE PER ATTRARRE INVESTIMENTI

Pubblicato il 17 settembre 2018 alle 11.45



BENEFICIARI

Potranno richiedere l’agevolazione le micro, piccole e medie imprese:

- Non ancora attive in Piemonte che intendono realizzare un nuovo investimento nella suddetta regione. Per imprese “non ancora attive” si intendono le imprese non presenti in Piemonte che, al momento della presentazione della domanda, hanno registrato presso una Camera di Commercio del Piemonte una sede da meno di 6 mesi;

- Presenti in Piemonte che hanno delocalizzato la produzione all’estero e che intendano reinsediarsi mediante un nuovo investimento in Piemonte;

- Gia` presenti in Piemonte che intendono realizzare un nuovo investimento iniziale per diversificare funzionalmente la produzione esistente.

 

REQUISITI

Le imprese di cui sopra dovranno rispettare i seguenti requisiti:

1) Essere iscritte nel Registro delle imprese della Camera di Commercio;

2) Per la sede destinataria dell’intervento, possedere un codice ATECO primario compreso tra:

- sezione B “Estrazione di minerali da cave e miniere”, limitatamente ai codici 6.10, 6.20, 7.21, 8.11, 8.12, 8.91, 8.93, 8.99, 9.10,9.90;

- sezione C “Attivita` manifatturiere”. Sono ammessi tutti i codici, con esclusione dei seguenti codici 10.1, 10.2, 10.31, 10.32, 10.39, 10.4, 10.51, 10.6, 10.81, 10.84, 10.7, 10.9, 11.02, 11.03, 11.06. Per il codice 10.83.02 e` esclusa la lavorazione del té. Per i codici 10.85.0 e 10.89.0 è esclusa la fabbricazione di aceto, lievito, uova in polvere o ricostituite;

- sezione D “Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata”, esclusi i codici 35.14, 35.23;

- sezione E “Fornitura di acqua; reti fognarie; attivita` di gestione dei rifiuti e risanamento”;

- sezione F “Costruzioni”;

- sezione G “Riparazione di autoveicoli e motocicli”, limitamento ai codici 45.20.1, 45.20.2, 45.20.3, 45.20.4;

- sezione H “Trasporto e magazzinaggio”, limitatamente ai codici 52.21.4 e 52.29.2;

- sezione J “Servizi di informazione e comunicazione”, limitatamente ai codici 58.1, 58.2, 59.11, 59.12, 59.2, 60, 61, 62, 63.11;

- sezione M “Attivita` professionali, scientifiche e tecniche”, limitatamente ai codici 71.2, 72, 74.1, 74.20.2;

- sezione Q “Sanita` e assistenza sociale”, limitatamente ai codici 86.22, 86.23, 86.90.1;

- sezione S “Altre attivita` di servizi”, limitatamente al codice 96.01.

Invece i progetti dovranno avere i seguenti requisiti:

a) Generare nuova occupazione – cioè la differenza tra le unità lavorative annue (ULA) rilevate (es. Modello DM10) dall’ultimo esercizio chiuso prima della presentazione della domanda e le unità (ULA) rilevate entro il ventiquattresimo mese dalla data di concessione del finanziamento agevolato - entro 24 mesi dalla data di concessione, per un valore minimo di:

- +1 ULA, per le micro imprese;

- +2 ULA, per le piccole imprese;

- +3 ULA, per le medie imprese.

Il livello occupazionale raggiunto dovra` essere mantenuto per almeno 24 mesi dalla conclusione dell’investimento, pena la revoca dell’agevolazione;

b) I progetti dovranno essere avviati successivamente alla presentazione della domanda;

c) I progetti dovranno essere realizzati entro 24 mesi dalla data di concessione del finanziamento agevolato.


INTERVENTI FINANZIABILI

Sono ammissibili, in forma singola o combinata, i seguenti interventi:

• Investimenti per la realizzazione di nuovi impianti di produzione di beni o servizi, centri direzionali, centri di ricerca e sviluppo, di ammontare minimo di:

- 100.000 euro, per le micro imprese;

- 200.000 euro, per le piccole imprese;

- 400.000 euro, per le medie imprese;

• Progetti di ricerca e sviluppo preordinati o connessi all’insediamento di nuovi impianti di produzione di beni o servizi, centri direzionali, centri di ricerca e sviluppo, di ammontare minimo di:

- 50.000 euro, per le micro imprese;

- 100.000 euro, per le piccole imprese;

- 200.000 euro, per le medie imprese.


SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili al beneficio le spese sostenute per:

a) Investimenti in attivi materiali quali:

- Acquisto di immobili già esistenti;

- Opere murarie per la ristrutturazione di immobili;

- Impianti, macchinari e attrezzature. Gli impianti connessi al risparmio energetico dovranno prevedere che la produzione di energia da fonti rinnovabili sia destinata all’autoconsumo.

b) Investimenti in progetti di ricerca e sviluppo quali:

- spese per il personale impiegato nel progetto di ricerca, nella misura minima del 60% dei costi complessivi ammissibili;

- Apporti in natura assimilabili a prestazioni volontarie rese da titolari, soci e amministratori a valere unicamente sul cofinanziamento privato;

- Spese generali direttamente imputabili al progetto di ricerca, nella misura massima del 10% dei costi complessivi ammissibili;

- Acquisto di strumentazioni e attrezzature nella misura e per il periodo in cui sono utilizzati per il progetto di ricerca;

- Acquisto di materiali, forniture e prodotti analoghi per l’attività di ricerca, nel limite massimo del 10% dei costi complessivi ammissibili;

- Spese per servizi di consulenza e servizi equivalenti utilizzati esclusivamente ai fini dell’attività di ricerca, nel limite massimo del 10% dei costi complessivi ammissibili.


BENEFICIO

L’agevolazione consiste in un prestito agevolato di importo fino al 100% delle spese ammissibili, con le seguenti caratteristiche:

• Per gli investimenti in attivi materiali:

- Il 70% del prestito con fondi regionali (con un limite massimo di 2.000.000 euro), a tasso zero e 30% con fondi bancari erogati da istituti bancari convenzionati con Finpiemonte S.p.A.;

- Durata di 84 mesi di cui eventualmente preammortamento di 12 mesi;

- Rimborso con rate trimestrali posticipate;

• Per i progetti di ricerca e sviluppo:

- Il 70% del prestito con fondi regionali (con un limite massimo di 500.000 euro), a tasso zero e 30% con fondi bancari erogati da istituti bancari convenzionati con Finpiemonte S.p.A.;

- Durata di 36 mesi senza preammortamento;

- Rimborso con rate trimestrali posticipate.


HP CONSULTING SRL - COMITATO DI STUDI


Categorie: Finanziamenti agevolati e crediti d'imposta